Spedizioni gratuite in Europa (UE), a partire da 4 articoli - Richiedere quatozione per i costi di spedizione per i paesi non UE

Riepilogo carrello

Il tuo carrello è vuoto

Prodotti nel carrello: 0
Totale prodotti: € 0,00

Prosegui al carrello

Frequency Of Humanity - CD 24k Gold

21,90

Prodotto aggiunto al carrello.

Vai al carrello

È stata raggiunta la quantità massima acquistabile per questo prodotto

Vai al carrello

  leggi le recensioni (18)

Codice: CVLD369

Autore: Gabriele & Niccolò Lucchin
Esecutore: MARTIAN NOISE
Durata: 38:00
Supporto: CD 24k Gold

Frequency Of Humanity
CD 24k Gold

MARTIAN NOISE sono due fratelli, Gabriele Lucchin, 19 anni, e Niccolò Lucchin, 17 anni. E loro sono anche il Cigno Nero del mondo della musica italiana oggi.

Due giovanissimi virtuosi dei loro rispettivi strumenti, profondi e raffinati conoscitori dell’epopea del grande Prog delle origini, quello degli anni ‘70, nato e cresciuto fra la Gran Bretagna e l’Italia. Per loro, e grazie alla loro tradizione di famiglia, Emerson Lake & Palmer, Yes, Genesis, Rick Wakeman, Pink Floyd, Alan Parsons Project, etc. sono il pane quotidiano con cui sono cresciuti e si sono formati, acquisendo una cultura enciclopedica e profonda di quel mondo sonoro, definendo così una propria originale estetica della Musica.

Era quindi inevitabile arrivare a questo FREQUENCY (of Humanity), che lungi dal rappresentare un triste clone derivativo delle opere dei Maestri, ne riprende gli stilemi, con calligrafico rispetto, offrendo tuttavia Musica realmente nuova e per i giorni nostri assolutamente innovativa, fresca e rigenerante, in un oceano ristagnante di banalità, di non-musica volgarmente predicatoria.

E si assumono anche la responsabilità di proporre un intero disco senza voci, senza cantato, senza quelle “parole” che oggi sembrano essere l’unico motivo di attrazione per un pubblico troppo vasto, che ha rinunciato al piacere evocativo della Musica pura all’ennesima potenza. Ebbene, ci pensano MARTIAN NOISE a ridestare l’attenzione!

Dal punto di vista tecnico la scelta inevitabile è stata di utilizzare per le loro performance SOLO strumenti analogici direttamente dagli anni ‘70 e ‘80; così come la maggior parte del work flow di registrazione, mix e mastering è stato realizzato in dominio analogico. Nessun computer, nessun campionatore, nessun software è stato utilizzato in fase esecutiva. E il titolo del disco, e l’immagine di copertina, in qualche modo vogliono indicare questa strada, laddove l’Umanità, l’Umanesimo, sopravanza e sconfigge il distopico tecnicismo tecnocratico dei giorni nostri. Uno squarcio di luce vitale nella notte dei circuiti e dei bit.

1. Prelude 2:01
2. Infra 3:50
3. Boring Afternoon 4:10
4. Omniarch 5:21
5. Hanging Garden 3:18
6. Apnea 4:51
7. Weird Flavour 3:07
8. Walk On 4:30
9. Broken Flower 6:47

Tot. time: 38:00
All compositions by Gabriele & Niccolò Lucchin
 
MARTIAN NOISE
Gabriele Lucchin plays Steinway & Sons D274 Concert Grand Piano, Hammond C3 Organ, Fender Rhodes MKI, Prophet 600 Keyboard, Akay AX-80, Oberheim Matrix 1000, Vermone Per4mer
Niccolò Lucchin plays Drums
Daniele Lucchin, special guest, plays electric bass on tracks 6, 7, 8

- 88.2kHz/24bit original recording and full analog mix made at Magister Recording Area,      Preganziol, Italy on October, 2023
- Full analog mastering made at Velut Luna Studio, Naquera, Valencia, Spain, on November 2023
- The final digital HD 88.2/24 wave file was recorded from analog master using Prism Sound Dream AD2 ADC state-of-the art ADC converter

Production: MARCO LINCETTO, Spain
Executive producer: Marco Lincetto
Musical producer: Andrea Valfrè
Recording and mix engineer: Andrea Valfrè
Mastering engineer: Marco Lincetto
Design and layout: L’Image

Manufacture and commercial distribution: referencemusicstore.com, Italy.
Many thanks to: our family, in particular our father Gianmatteo Lucchin for having followed and supported us, managing the tuning part of the drums perfecting the instrument during the studio recordings; our uncle Daniele Lucchin for playing in tracks 6, 7 and 8 building solid bass lines on which it was a pleasure to play.
Potrebbero interessarti anche ...